Una serata fuori dal comune al Boccascena Cafè

La serata del 27 Maggio si è svolta in un luogo insolito per il Milan-Easy Toastmasters Club; fuori dalla nostra cornice abituale, abbiamo deciso di sfidarci e promuovere la nostra attività in un ambiente nuovo, il Boccascena Cafè presso il Teatro Litta.

TM_275 Generale

La serata è stata caratterizzata da una massiccia presenza di ospiti (più di 14!!) che si sono presentati incuriositi dall’evento, portati da altri membri oppure perché alla ricerca di percorsi per migliorare il public speaking!
Abbiamo avuto quattro discorsi da tre manuali diversi (Competent Communicator, Interpretive Reading e Speeches by Management) e la serata è stata vinta da Barbara Olivieri con un discorso dal titolo Less is More. Semplificare, sfrondare tagliare,rimettere un po’ di ordine nel caos; questo è stato il messaggio del suo discorso rivolto a se stessa, ma anche a tutti i presenti.

TM_275 BS

Il Toastmaster of the Day con la Best Speaker…. nel primo SELFIE del club!

Laura Hoti ha vinto come miglior valutatrice della serata con una tecnica che ha definito, non di tipo sandwich, ma addirittura… “Club Sandwich” (secondo noi, ha improvvisato al momento la definizione, ma Toastmasters è anche impromptu speaking, no?)
TM_BE

Claudio Arni ha gestito la sessione del Table Topic con un divertente argomento “E’ proprio vero che i detti popolari hanno sempre ragione“.
Si è aggiudicato il premio come Best Table Topic, un ospite Luca C. che ha improvvisato -con uno stile definito da alcuni come bergonzoniano- sul tema “Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino”.
TM_BTT

A fine serata, alcuni degli ospiti hanno così commentato:
Martina: ”Complimenti a tutti quanti per il clima e per il giusto mix tra rigore professionalità ed entusiasmo spontaneità
Luca: “Una serata molto divertente, viva, decisamente coinvolgente; vedo che il club ha un’ottima squadra e sono sempre le persone a fare la differenza… e poi ho vinto il Table Topic!”.
Daniele: “Posso sicuramente dirti che sembrate tutti in gamba e continueremo a venire, in modo da poter conoscere meglio sia il mondo di Toastmaster che ognuno di voi.”

E chiudiamo allo stesso modo ricordato dal Toastmaster of the Day: Tutto è bene quel che finisce bene… e l’ultimo chiuda la porta (non sapete da dove sia tratto? Allora cliccate qui sotto).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>