Incontro del 22 Aprile 2014: L’arte di gestire preparazione e improvvisazione

Molti degli ospiti, che partecipano per la prima volta ad una qualunque serata Milan-Easy, commentano alla fine della serata. “Il livello è molto alto non credo faccia per me” oppure “credevo fosse una riunione base, non per speaker avanzati” e così discorrendo.
Quello che è difficile far capire, quando le serate sono ben riuscite, è che ogni socio è partito (chi più, chi meno) con molte difficoltà, qualche timore e un po’ di insicurezza a sfidarsi su un palco.

Durante l’ultimo incontro, ci ha fornito una bella testimonianza la nostra socia Gaia Fiertler; da sempre desiderosa di migliorare il proprio inglese, Gaia ha deciso di ricoprire il ruolo di Toastmaster of the Day proprio in inglese.
Chi conosce il ruolo sa che molto si può pianificare, ma un po’ deve giocarsi sull’improvvisazione. Chi conosce Gaia ha sicuramente apprezzato il percorso fatto e la continua voglia di un Toastmaster di sfidarsi e non adagiarsi su percorsi noti e sicuri.
Per i non-soci e gli ospiti è stata un’ottima testimonianza su come si sia tutti allo stesso livello: tutti abbiamo i nostri demoni, le nostre difficoltà e le nostre prove da affrontare e vincere.

Brava Gaia! Come per ogni discorso ha fatto proprio l’adagio:  Fail to prepare and be prepared to fail!

Claudio Arni

Il premio come Best Speaker se lo è aggiudicato Claudio Arni con il suo terzo speech dal manuale Competent Communicator con un discorso dal titolo: “Affrontare una emergenza sanitaria è semplice se sai come farlo“.
Già da quando è salito sul palco con la maglietta della Croce Rossa Italiana, Claudio è riuscito a catturare l’attenzione del pubblico e a trascinarlo nella sua presentazione a tratti informativa, a tratti divertente, mostrandosi estremamente a suo agio a interagire con il pubblico.

Una vittoria assolutamente meritata!

Giacomo

Il premio come Best Table Topics è andato a Giacomo Mercandelli.

Giacomo è un socio di the xplorers che è venuto a trovarci, ma non si è riposato come semplice spettatore.
E’ stato, infatti, chiamato per un discorso di improvvisazione: il sogno di diventare farfalla! Con un’ottima vocal variety e tanta ironia si è aggiudicato il premio.

Il premio come Best Evaluator è andato a Fabio Rigamonti che ha giudicato proprio il discorso di Claudio Arni, vincitore della serata.
Manca la foto perché anche i selfie, come qualunque cosa, si imparano a fare e non possono essere improvvisati! :)

2 thoughts on “Incontro del 22 Aprile 2014: L’arte di gestire preparazione e improvvisazione

  1. Too many congrats, guys! I did my best, that’s improvable day by day thanks to the Toastmasters clubs and all you!
    By the way, who does remind my ice-breaker thee years ago? I jocked about my surname, that nobody had ever pronunced or written right in my life. Does the legend go on? Please, correct my surname! See you soon! Gaia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>